Funghi

La ricca biodiversità, la configurazione del terreno e la struttura geomorfologica del Parco Nazionale della Una hanno contribuito alla propagazione di varietà di funghi. La loro raccolta è soggetta a restrizioni e in alcune aree del Parco è vietata.

Il Parco Nazionale della Una offre un'eterogeneità di flora: betulla, quercia, faggio, carpino, abeti, pini, prati e radure rappresentano l'habitat perfetto. Tra i funghi presenti si ricordano la mazza di tamburo, la russula, il tricholoma batschii, la trombetta dei morti, amanita caesarea (anche conosciuto come ovolo buono),

Per informazioni più dettagliate sui funghi e sulla loro raccolta si consiglia di contattare l'ufficio del Parco, che collabora con l'associazione dei funghi “BLAGVA“ di Bihac per potenziare il turismo e favorire la ricerca scientifica della biodiversità dell'area.