Orasac, la cittadina del tardo medioevo

I gradovi (plurale di grad, ossia città) sono fortificazioni di epoca medievale e ottomana costruite in pietra. Alcuni erano costituiti da torri e fortezze, mentre altri avevano solo torri e/o bastioni. La maggior parte fu costruita durante il Regno di Bosnia (tra il XIII e XV secolo), mentre i gradovi nella Bosnia centrale risalgono al XII secolo. In particolare, in quelli di Bobovac, Kraljeva Sutjeska e Visoko, risiedevano i feudatari e la nobiltà bosniaca. Durante la dominazione ottomana, i gradovi vennero trasformati in caserme e strutture di difesa e controllo. Nel medioevo i comandanti dei gradovi erano chiamati kaštelan, nel periodo ottomano dizdar. Alla fine del XIX secolo, con il declino dell'impero ottomano, furono ampliati e fortificati.

I gradovi erano costruiti in punti strategici, lungo i fiumi e le vie principali di comunicazione. Dominavano dall'alto il territorio circostante ed erano perfettamente incorporati nell'ambiente naturale.

Orašac è un villaggio del Parco Nazionale della Una. La città fortificata di Orašac fu costruita nel medioevo; apparteneva alla parrocchia di Hum e, con la conquista ottomana, passò sotto la giurisdizione del Capitanato di Ostrovica. I resti della città fortificata sono visitabili e si trovano su una collina a pochi chilometri dall'omonimo villaggio.

La fortificazione fu ampliata tra il 1703 e il 1730: innalzarono una torre di guardia di 8 metri e  fortificarono le mura. Gli edifici e la moschea (costruiti durante il periodo di dominazione ottomana) che erano ospitati all'interno delle mura ora si trovano in rovina.